23
Ottobre 2019
MERCOLEDI

World Wide Woman – Pianeta Donna

A tutte le donne i nostri auguri con questa lettera

Scritto da Alky il 8 - Marzo - 2013 Commenta - Letto 2.923 volte

8MARZO

Per l’ 8 Marzo, oltre ai doverosi e meritati auguri, vogliamo “allegare” questa lettera ricevuta e pubblicata da un sito web, una lettere che accomuna molte persone alle prese con un mondo del lavoro sempre più in equilibrio tra il precariato e la disoccupazione.
Pubblichiamo lo stralcio della lettera omettendo il nome dei protagonisti, chi volesse leggerla nella sua completezza, con incluso i nomi, vi rimandiamo al link evidenziato a fine articolo.

“Dal 2006 lavoro (o forse lavoravo)  come infermiera  e sabato 2 Febbraio 2013 rientro in servizio nel mio reparto di Ostetricia e Ginecologia dopo la mia maternità. Al mio arrivo la situazione è in emergenza come sempre ma quella mattina ancora di più ci sono già 3 partorienti pronte; ….i bambini non sanno se è sabato o domenica quando decidono di venire al mondo.
I colleghi mi salutano al volo e cominciano a ringraziarmi ed a ringraziare qualche Santo in Paradiso per avermi visto rientrare.
Comincio il lavoro:  iniziamo subito i monitoraggi nelle sale travaglio per capire chi sarà la prima a partorire, incrociamo anche le dita che non decidano di partorire tutte insieme.
Di li a poco ecco pronta la prima futura mamma, l’accompagno in sala parto, le prendo un accesso venoso per i farmaci, l’infermiere ostetrico si prepara al suo lavoro, è solo e resto ad aiutarlo.
In sala parto siamo soli lui ed io quando sta per cominciare il momento più pericoloso della vita di ogni essere umano: il momento in cui viene al mondo.
Incrocio gli occhi di quella donna sofferente e la rassicuro con lo sguardo di chi ha già vissuto gli stessi momenti, l’accarezzo, la sostengo e cerco di tranquillizzarla, le parlo, è una primipara, quindi le dico come aiutare il suo bambino a nascere e le rimango accanto. L’Ostetrico compie brillantemente come sempre il suo lavoro e mi dice: per fortuna che ci sei anche tu oggi.
Intanto arriva il medico che incomincia e conduce sino al termine, con sicurezza e professionalità, l’opera di questo piccolo-grande miracolo del perpetuarsi della vita.

angelo neonatoLa settimana seguente solita routine lavorativa ma mercoledì 20 febbraio mi arriva la brutta notizia con una raccomandata. Il mio contratto di lavoro a Tempo Indeterminato è stato annullato dall’Azienda, e non da oggi, bensì già dal 31 dicembre del 2012, ma non mi era stata notificata la delibera perché ero in congedo per maternità.
Il Dirigente mi incalza e mi chiarisce: “Lei per l’Azienda non esiste più dal 31 dicembre 2012. Lei è già fuori dal 31 dicembre.!!!”
In pratica sarei un fantasma o un Angelo che sabato 2 febbraio ha aiutato quel bambino a venire al mondo.
Io sarei stata un fantasma o un Angelo come quei tanti Angeli -miei Colleghi- che ogni giorno assorbono come spugne: dolori e lamenti, sudori ed escrementi, cercando di dare speranze e fiducia a degli Esseri Umani in un mondo che ha dimenticato, tra codici e leggi, che l’Essere Umano è il più grande capolavoro dell’Universo e andrebbe trattato come tale.

Ironia della sorte quel bambino che ho aiutato a venire al mondo si chiamerà  proprio come il Dirigente delle Risorse Umane che nel 2010, dopo quattro anni di precariato, mi faceva i complimenti per essere entrata definitivamente a far parte dell’Azienda Ospedaliera, consegnandomi il contratto di lavoro a tempo indeterminato e che invece adesso di fatto mi licenzia.
Eravamo 81 infermieri entrati a lavorare in Ospedale tra il 2006 e il 2007 e facevamo parte di un’unica procedura di  stabilizzazione, siamo stati travolti da una modifica di Legge che non ci riguarda, infatti per 43 di questi c’è stata la convalida del contratto a tempo indeterminato, per altri 38, tra i quali io, invece no!
Tornerò dai miei tre bambini a consolarli “col pulcino pio” senza più stipendio e senza nemmeno sussidio di disoccupazione cui non ho diritto in virtù della stabilità dell’impiego “garantita”  ai dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni (cioè dopo il danno anche la beffa).
Non so spiegarmi perché, dopo 20 anni che lavoro come infermiera professionale, qualche burocrate o qualche politico ha deciso che deve andare così!”

– Leggi la lettera integrale-

A TUTTE LE DONNE

BUON 8 MARZO


Puoi lasciare un commento, oppure fare un trackback dal nostro al tuo sito.

Leggi anche. . .

  • 8 Marzo: Auguri a tutte le donne!8 Marzo: Auguri a tutte le donne! Per ogni sorriso che ti farà star bene, per ogni sogno che vorrai realizzare, per ogni bacio che ti scalderà il cuore. AUGURI!!!!
  • Una dedica a tutte le donne per l’8 MarzoUna dedica a tutte le donne per l’8 Marzo La poesia di Jack Folla per accompagnare tutte le donne, dalle più piccole bambine alle più mature donne, e ricordare che l'amore e il rispetto và oltre il giorno del 8 Marzo.
  • Auguri a tutte le donne (citazione Roberto Benigni)Auguri a tutte le donne (citazione Roberto Benigni) Dallo spettacolo di Robertro Benigni, una citazione che descrive quello che dovrebbe essere il reale valore delle donne. "La donna è uscita dalla costola dell'uomo, non dai suoi piedi..."
  • La storia di Mimosa, l’amica del soleLa storia di Mimosa, l’amica del sole In occasione della Festa della Donna, la romantica storia di Mimosa. Il racconto è opera del cantautore e scrittore 4TU.
  • Festa della donna: niente mimose, grazie!Festa della donna: niente mimose, grazie! Oggi si celebra la Festa della Donna ma, a pensarci bene, ci sarebbe davvero poco da festeggiare, sarebbe il caso invece di riflettere su alcune cose.
  • Donna!Donna! 8 Marzo. Ricordiamo la Donna attraverso le parole di una Donna che con la sua vita ha tracciato la strada dei giusti: Madre Teresa di Calcutta
  • Cassano diventa Papà.. diventerà anche più saggio?Cassano diventa Papà.. diventerà anche più saggio? La notizia non è fresca, ma rappresenta pur sempre un lieto evento per un campione tutto italiano, Antonio Cassano (Bari, 12 luglio 1982) giocatore di calcio attualmente in forze al A.C. MILAN, ma con un futuro tutto da definire
  • Addio alla signora della scienza e dell’impegno civileAddio alla signora della scienza e dell’impegno civile E' morta all' età di 103 anni Rita Levi Montalcini. Con il suo sorriso lieve e lo sguardo intenso è forse stata la scienziata più famosa e amata d'Italia.

ADESSO TOCCA A TE!

La tua opinione, il tuo saluto, la tua collaborazione sono importanti per noi!

Non essere avaro di parole, siamo qui per scambiarci opinioni e consigli e quello che hai da darci e' un tesoro che non possiamo permetterci di perdere!

Se hai trovato degli errori, se hai un ingrediente da aggiungere, o la pensi soltanto diversamente da noi.. ALKYMY e' qui per ascoltarti!

Comunque cara amico o cara amica ...


Grazie per essere passato di qui!

Devi essere Registrato per lasciare un commento.






Volete creare da soli una splendida maschera di cartapesta?

maschera di cartapesta

Quello che vi occorre è della carta, della colla vinilica, colori acrilici e tanta fantasia.

Per aiutarvi nel lavoro abbiamo selezionato su Youtube questo facile e rapido tutorial.






Chi siamo

Alkymy, Pianeta donna! Dalle sapienti mani di ALKY un sito al femminile! Gossip, ricette, ricamo e cucito, shopping e tanto altro! Il mondo ed i bisogni di una meravigliosa galassia, quella femminile, racchiusi in un sito! Un avventura magnifica che prende il via!

Articoli in Archivio

L’attore Will Smith morto in Nuova Zelanda

Scritto da Manolo
il 1-Apr-2012

I deliri di Libero: togliete i libri alle donne!

Scritto da Manolo
il 4-Dic-2011

Al via il Grande Fratello 10!

Scritto da Alky
il 25-Ott-2009

Commenti Recenti